giovedì 5 luglio 2007

Hackerare col Mac attraverso software "Lamer"


Gli utenti Mac, sopratutto gli adolescenti, si sentono dire sempre più dagli utenti Windows che per il Mac non esistono software per "crakkare" le password, entrare in un sistema, e tanto altro. Girovagando per la rete si trovano cose interessanti e infatti oggi vi segnaliamo MacShadows, un sito dedicato all'hacking con il sistema Mac. Si tratta di un sito che ha un forum dove poter porre delle domande ma anche una chat IRC dove potrete chiacchierare di hacking e tanto altro. Ma la vera chicca si trova nella sezione downloads, dove potrete trovare di tutto e di più per effettuare delle "lamerate". Ci sono infatti software di Brute Force, DoS, E-mail Bombing, Encryption, Exploid, Trojans, etc... sicuramente da visitare. Per chi non sapesse cosa sono i lamer diciamo che il lamer si differenzia dall'hacker perché il suo scopo non è esplorare, imparare e migliorare, ma creare danni, a puro divertimento personale. I lamer vengono tradizionalmente disprezzati dagli hacker perché sono ritenuti, almeno in parte, responsabili della connotazione negativa del termine hacker, che viene tutt'oggi associato alla criminalità informatica, alla diffusione di malware ecc. I media tradizionali (televisione, radio, giornali) quando viene data notizia di un attacco informatico da parte di un cracker, non fanno uso di termini specifici quali "cracker" o "lamer" ma utilizzano, per semplicità o pura ignoranza, la parola "hacker". Quindi i può dire che un lamer è un aspirante cracker con conoscenze informatiche limitate. Il termine inglese, usato in genere in senso dispregiativo, significa letteralmente "zoppo" ma si potrebbe rendere in italiano con un termine come "sfigato". Attenzione all'utilizzo di questo software, perchè se usato per frodare o creare danni viene considerato un reato penalmente perseguibile.

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page